Lavoro

Come scegliere una porta blindata

La sicurezza è uno dei requisiti fondamentali per un’abitazione. Per soddisfare questa esigenza la porta blindata è uno degli elementi necessari. Tuttavia compiere questa scelta può essere un compito davvero complicato, data la presenza di una varietà davvero impressionante. La quantità di modelli in commercio è infinita, per questo motivo è importante tenere in considerazione alcuni fattori fondamentali quando si decide di dotarsi di una porta blindata, evitando perdite di tempo e di denaro. Un’ottima soluzione è quella di affidarsi a Maestro Blindati, per la realizzazione della tua porta blindata. Andiamo a vedere alcune caratteristiche da considerare nella scelta.

Il contesto dell’abitazione

Per prima cosa è fondamentale studiare attentamente il contesto abitativo in cui andrà inserita la porta blindata. Tra i vari fattori è bene considerare i fattori estetici. Una porta infatti deve essere in linea, per quanto riguarda colore e materiale, con il resto della casa e con le altre porte.

Gli aspetti funzionali sono altrettanto importanti, poiché la tipologia della struttura influisce moltissimo sulla sicurezza. Una villetta indipendente ha esigenze diverse rispetto ad un appartamento condominiale, come una banca o una gioielleria hanno esigenze differenti rispetto ad un magazzino.

Le classi di antieffrazione

Una volta stabilite le necessità della struttura è il momento di scegliere il livello di sicurezza più adatto. Le classi di antieffrazione sono 6 e ovviamente devono essere certificate dalla ditta produttrice:

  • Classe 1: protezione minima. Resiste a scassinatori principianti, utilizzare quindi per luoghi con basso rischio di effrazione.
  • Classe 2: più resistente delle prime, ma possono essere aperte con strumenti rudimentali come coltelli, cunei e perni metallici, quindi anche da ladri poco esperti.
  • Classe 3: apribili da scassinatori “semi esperti”, apribili con piede di porco e una certa forza fisica quindi forniscono una protezione maggiore rispetto alle prime due. Utilizzate spesso per condomini poco isolati.
  • Classe 4: livello di protezione molto buono, il malintenzionato deve avere dimestichezza con trapani, seghe e scalpelli per aprirla, perciò viene utilizzata per l’esterno di villette, case indipendenti o condomini a rischio e isolati.
  • Classe 5: protezione alta, utilizzate prevalentemente per banche e gioiellerie.
  • Classe 6: Protezione massima. Sicurezza anche contro i ladri più esperti. Orologerie, banche ed edifici militare possono esserne dotate.

Isolamento termico e acustico

Sempre tenendo conto della tipologia di edificio e della sua posizione, l’isolamento termico ed acustico costituiscono un fattore molto importante. Proteggere la propria abitazione da rumori molesti e da dispersioni di calore, oltre che da attacchi di malintenzionati, è di un’importanza davvero rilevante.

Per citare alcuni esempi, in un condominio può essere molto utile isolare il proprio appartamento dai rumori provenienti dalle abitazioni dei vicini, oppure nel caso di una porta posta all’esterno è importante che eviti spifferi di aria fredda e ingresso di agenti atmosferici che possono compromettere l’efficienza energetica dell’edificio.

Il prezzo

Fattore da non sottovalutare! Il consiglio è quello di cercare una porta adatta alle proprie tasche ma soprattutto alle proprie esigenze, poiché questo è un investimento che a lungo andare porta sicuramente benefici e tranquillità. I principali criteri per valutare le fasce di prezzo delle porte sono:

  • Livello di sicurezza richiesto: maggiore è la classe maggiore sarà il prezzo.
  • Ante: l’anta unica è meno costosa delle porte a due ante.
  • Dimensioni.
  • Estetica: i pannelli hanno un prezzo diverso a seconda del materiale e della lavorazione.
  • Componenti: gli eventuali accessori possono rendere la porta più sicura e confortevole (ad esempio alcuni tipi di defender e serrature). Inoltre influiscono anche gli accessori riguardanti l’isolamento termico e acustico.

Articoli correlati

Back to top button