Lavoro

Distributori automatici di dispositivi di protezione individuale: i vantaggi

Le aziende che puntano a raggiungere il “top” del proprio settore di riferimento devono prima di tutto procedere verso un miglioramento del processo di produzione. Un obiettivo che viene reso possibile grazie ai concetti introdotti dall’industria 4.0, nota anche come quarta rivoluzione industriale, che sta contribuendo a trasformare le aziende in vere e proprie “smart factory” dotate di strumenti che consentono di raccogliere i cosiddetti “Big Data” e monitorare costantemente il flusso produttivo, evitando così “colli di bottiglia” e intervenendo celermente nel caso vengano evidenziate delle criticità.

Un modo per aumentare la sicurezza sul lavoro

I processi produttivi, con l’industria 4.0, diventano quindi più efficienti e performanti, ed è anche per questo che le aziende stanno cercando di strutturarsi con tutte le innovazioni tecnologiche che aiutano a raggiungere determinati standard qualitativi.

Una soluzione che di recente sta trovando sempre più spazio è l’installazione di distributori automatici DPI all’interno delle aziende, che comportano alcuni vantaggi che vale la pena approfondire.

Si tratta di una misura utile ad aumentare il livello di sicurezza sul lavoro, incentivando i dipendenti all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale: grazie ai distributori automatici, infatti, il lavoratore li avrà sempre a disposizione, pronti all’uso in qualsiasi momento della giornata. Il loro funzionamento è praticamente identico a quello dei distributori “classici” di caffè, bevande e snack vari.

L’obiettivo è proprio quello di fornire costantemente ai dipendenti i materiali necessari allo svolgimento della propria mansione, direttamente a bordo linea. Naturalmente i prodotti che è possibile trovare all’interno dei distributori automatici di DPI sono quelli che fanno riferimento alle caratteristiche dell’azienda stessa.

Come funzionano questi distributori automatici

Ad esempio, all’interno delle imprese che operano nel settore alimentare e in quello sanitario saranno a disposizione indumenti e protezioni usa e getta. Nei distributori automatici di DPI sono spesso inseriti anche guanti protettivi, mascherine, occhiali e dispositivi anti-rumore (ad es. i tappi per le orecchie). Inoltre, a seconda dello “scopo” dell’azienda e delle mansioni da svolgere, i distributori automatici possono fornire specifici utensili e attrezzi da lavoro, oltre al materiale da cancelleria.

I lavoratori verranno muniti di chiavi elettroniche o badge identificativi che serviranno proprio per usare liberamente i distributori automatici. Questi strumenti saranno poi estremamente utili per capire quali sono i prodotti più utilizzati, le fasce di orario in cui avvengono più prelievi, i settori che usano di più il DPI e molto altro ancora.

Ma come fare per rifornire il distributore automatico? Anche qui l’industria 4.0 la fa da padrone, dato che l’azienda potrà servirsi di un software per restare sempre aggiornata sulle scorte effettive all’interno dei vari distributori automatici, in modo tale da capire quando queste sono in esaurimento e provvedere tempestivamente.

Sarà poi la stessa azienda fornitrice del distributore automatico a garantire il servizio di ricarica. I software che riguardano i distributori automatici sono inoltre indispensabili per fornire un quadro particolarmente esaustivo sull’uso giornaliero del DPI da parte dei lavoratori.

Grazie ai dati registrati dal software l’azienda potrà ottimizzare al meglio la fornitura e le scorte di magazzino, evitando così spese superflue. I dati raccolti saranno messi a disposizione nei server centrali, in modo tale da consentire all’azienda di programmare con efficienza spese e costi.

Articoli correlati

Back to top button