Lavoro

La Certificazione degli standard alimentari Brc Ifs

La sicurezza e la salute nel luogo di lavoro sono requisiti fondamentali e obbligatori per legge in tutti gli ambiti aziendali di produzione e di erogazione servizi. Pari a questi requisiti vi sono quelli richiesti dal sistema legislativo internazionale nei confronti delle aziende impegnate nel settore agroalimentare. Requisiti non solo rivolti alle catene di produzione alimentare, ma anche le imprese che erogano servizi connessi al mondo alimentare, come per il packaging, trasporti e stoccaggi ed agenzie commerciali. Per queste aziende è fondamentale dimostrare il proprio impegno per la sicurezza, qualità e legalità alimentare, ed uno dei modi più efficaci è  quello si ottenere la certificazione degli standard alimentari Brc Ifs. Di cosa si tratta?

La conformità ai requisiti di questi due standard privati, valutata da un organismo terzo, certifica l’applicazione, da parte di un’azienda, di un sistema di assicurazione qualità che rispetti alti standard per la certificazione alimentare alimentari Brc Ifs. Queste due tipologie di certificazione prendono il nome dai consorzi privati che li hanno sviluppati per facilitare i processi di qualifica come fornitore della grande catena di distribuzione. Soprattutto per i prodotti a marchio.

Il BRC British Retailer Consortium, consorzio della GDO anglosassone, ed IFS International Featured Standard, consorzio della GDO franco, tedesca, belga ed italiana.

Lo standard di certificazione alimentare Brc si compone di differenti tipologie specifiche alle varie tipologie di aziende implicate. Si passa dallo standard per il Food, per le organizzazioni produttive, packaging, realtà produttrici di packaging appunto, ex IOP, distribuzione, Storage and distribution, stoccaggio e logistica di vario genere, fino alle organizzazioni che operano in ambito commerciale con lo standard Agents and Brokers.

A queste si affiancano una serie di moduli volontari, e standard più recenti come il Brc Plant Based ed il Brc Etical Trade. Anche lo standard per la certificazione alimentare Ifs si compone con i medesimi settori food, logistics, packaging e broker.

I requisiti degli standard di certificazione alimentare

Gli standard per la certificazione alimentare Brc ed Ifs nel tempo tendono sempre più a sovrapporsi. All’incirca all’80%. Entrambe sono riconosciuti da GFSI, global food safety initiative. E la più grande differenza tra i due sta nel mercato al quale si riferiscono.

I requisiti più importanti richiesti da entrambe gli standard per la certificazione Brc Ifs sono:

  • PDCA – Plan Do Check Act, l’adozione di un sistema di gestione qualità basato sui principi del miglioramento continuo che permette ad un’azienda di progettare, pianificare e implementare nella propria gestione organizzativa standard di qualità e sicurezza e legalità alimentare.
  • Requisiti di sicurezza alimentare, ossia il complesso normativo che legifera sull’applicazione di protocolli di sicurezza alimentare e igiene degli alimenti. Come la richiesta di adottare dei sistemi Haccp, un metodo di analisi per l’individuazione dei pericoli ed il controllo e la prevenzione di rischi.
  • Requisiti Food defense (difesa del prodotto alimentare da contaminazioni) e Food fraud (protezione dal rischio di frodi e contraffazioni alimentari).
  • Attenzione e soddisfazione del cliente.

Certificazione Brc Ifs: quali standard alimentari?

Per adottare nel modo più produttivo questo protocollo, non bisogna limitarsi a rispettare le incombenze burocratiche; piuttosto, concentrarsi su un’applicazione progettuale degli standard alimentari Brc Ifs. Anche mediante l’ottenimento e il mantenimento del relativo attestato, la certificazione Brc Ifs.

Cosa deve fare quindi un’impresa per dimostrare e mettere in pratica la dovuta serietà rispetto ai protocolli di igiene e sicurezza alimentare? E così potersi presentare pronta ai mercati della GDO ed internazionali?

Un buon consulente aziendale può guidare il percorso delle singole realtà, che si tratti di piccole o grandi imprese, verso il raggiungimento della certificazione Brc Ifs.  Un percorso che passa tramite la formazione e l’informazione dei dipendenti, ma anche per una più sistemica valutazione dei rischi connessi al mancato rispetto dei requisiti obbligatori e richiesti degli standard alimentari Brc Ifs. E l’implementazione di un sistema di informazioni documentate necessario al monitoraggio degli stessi.

Fondamentale poi, l’instaurazione di una proficua e continuativa collaborazione con tutta la catena di fornitura compresi i laboratori di analisi e taratura, le aziende di disinfestazione. Tutte realtà capaci di sostenere il cammino verso una gestione della sicurezza, qualità e legalità alimentare efficace.

Articoli correlati

Back to top button